Meteo di Tonino


Alpi occidentali - Parzialmente nuvoloso Alpi orientali - Poco nuvoloso Prealpi occidentali - Parzialmente nuvoloso Prealpi orientali - Parzialmente nuvoloso Pianura occidentale - Parzialmente nuvoloso Udinese - Poco nuvoloso Costa occidentale - Parzialmente nuvoloso Costa orientale - Poco nuvoloso Carso - Parzialmente nuvoloso Isontino - Parzialmente nuvoloso Pianura sud-est - Parzialmente nuvoloso
TEMP. PIANURA
MIN (°C):
tra -3 e 0
MAX (°C):
tra +6 e +9
TEMP. COSTA
MIN (°C):
tra +3 e +6
MAX (°C):
tra +6 e +9
Previsione del 21-01-2019, fascia 00h - 12h
Ultimo aggiornamento del 11/01/2019 ore 08:57


Aggiornamento meteo di venerdì 11 gennaio delle ore 09:00

                  

Situazione e previsione generale + tendenza a linee generali del tempo per la prossima settimana





La situazione continua a vedere, come spiegato ormai da settimane una serie di irruzioni artiche marittime che vanno a coinvolgere l'europa centro orientale e i Balcani, prendendoci in maniera piuttosto marginale anche se, la loro reiterazione ha portato senz'altroun bel periodo invernale, nonostante l'assenza da molto tempo, di precipitazioni.
Il clima infatti rimane secco da un mese e mezzo sia per'ingerenza dell'alta pressione, sia per la traiettoria troppo orientale delle colate redde che hanno portato notevolissimi accumuli di neve su diverse aree appenniniche del centro-sud e del versante nord alpino austriaco.
Ci avviciniamo comunque a un primo cambiamento dell'impianto barico con un anticicloneche finora ha dominato le sorti del tempo in europa che tenderà da metà mese, fine della seconda decade circa ad arretrare, lasciando spazio a masse d'aria polari e artico marittime le quali potranno essere in rado allora, di formare delle ciclogenesi in grado di portare delle piogge e/o delle nevicate sul nostro territorio, anche se ancora è piuttosto presto per poter essere più precisi e, step by step, andrà delineansosi l'evoluzione nel dettaglio.
Intanto per il fine settimana ben poche variazioni con un tmepo discreto, un'alternanza di cielo poco nuvoloso a fasi con qualche annuvolamento in più, pochi fenomeni da rilevare se non qualche fioccata locale su qualche area di confine e un aumento delle temperature in quota, specie tra sabato e domenica con qualche inversione termica.
Poi tra lunedì e martedì nuovamente sfiorati da una irruzione artica orientale con target i balcani e l'europa orientale, con venti da nord nuovamente più secco, salvo qualche fioccata ungo i crinali alpini di confine, ma fenomeni localizzati.
Poi, spero appunto nel cambiamento verso fine decade con qualche bassa pressione in grado di portarci le tanto attese precipitazioni con altre ciclogenesi anche più profonde nel corso della terza decade, ma siamo nel fantameteo e dunque avanti a vista, meglio.

 

 


 

Previsioni dettagliate per il FVG

 

 

 

 

Venerdì 11 gennaio: permarrà un tempo discreto con cielo tra il sereno e poco nuvoloso e il parzialmente nuvoloso per nubi alte e stratificate; non mi attendo fenomeni di rilievo, salvo qualche fioccata , anche se molto localizzata e più probabile sulle aree di confine.

Soffieranno ancora dei venti dai quadranti settentrionali, localmente forti specie in quota.

Le temperature saranno in calo nei valori minimi notturni con valori che potranno localmente scendere intorno o sotto i -4/-5C, specie laddove prevarrà il sereno di notte e non ci sarà vento, mentre laddove soffierà del vento e ci saranno delle nuvole si farà fatica a scendere sottozero, salvo scendere pochissimo al di sotto.

 

 

 

Sabato 12: mi attendo un sabato con una certa variabilità, dovuta al transito di annuvolamenti per nubi alte e stratificate, anche se il sole farà spesso capolino comunque.

Non mi attendo fenomeni di rilievo con temperature stazionarie o in lieve aumento, aumento più sensibile comunque in quota,mentre al suolo i valori rimarranno stazionari salvo qualche lieve aumento con massime generalmente comprese tra 5C e 8C a seconda che prevalgano gli annuvolamenti o le schiarite.

Ci sarà una graduale attenuazione del vento.

 

 

 

Domenica 13: mi attendo una domenica discreta con una certa variabilità, tra schiarite anche ampie e locali annuvolamenti, per nubi sempre alte e stratificate.

Le temperature saranno generalmente stazionarie anche se non escludo ulteriori aumenti specie in quota dove le temperature saranno positive fin verso i 1800/2000m circa specie nella seconda parte della giornata in atteso del calo in quota nel giorno succesivo.






Tendenza a linee generali del tempo per lunedì 14 e martedì 15 gennaio: non ci saranno sostanziali variazioni con ancora un tempo discreto/buono su gran parte della regione con cielotra il poco nuvoloso e parzialmente nuvoloso per annuvolamenti da nord con venti dai quaranti settentrionali a tratti forti, specie in quota dove non escludo raffiche molto forti.

Potranno anche esserci delle locali fioccate, specie sui crinali di confine ma comunque fenomeni piuttosto localizzati.

Le temperature saranno in calo inizialmente in quota e in aumento nei bassistrati, poi in calo anche al suolo, su pianura e costa di qualche grado.



 

 

 

PS: Voglio ribadire l'importanza della lettura del testo previsionale (anche e soprattutto quella della "situazione e previsione generale", laddove spiego le varie dinamiche) e il fatto che le indicazioni grafiche siano semplicemente un ausilio che non fa alcun testo nella previsione, vista la loro genericità e il loro valore puramente indicativo, ergo anche dove vedete spesso i simboli della pioggia o del temporale questo non vuol dire che pioverà sempre ma la spiegazione dell'evoluzione meteorologica è assolutamente da ritrovare nel testo delle mie previsioni!






Leggi tutti i commenti

 
Pagina 1 di 15
  1. Luca 18/01/2019 17:18
    Scusami del disturbo e grazie della risposta buona serata ciao
  2. Tonino 18/01/2019 16:59
    Luca io cerco di far meteorologia non di star dietro a ogni uscita modellistica, è da tempo che parlo del target della terza decade e del 22/23 gennaio circa ovviamente visto che possono ancora esserci variazioni, credo sia difficile spiegar meglio di come ho spiegato nell'aggiornamento odierno, ma ne ho parlato anche in quelli precedenti. Non esiste la sfera di cristallo, per quello consiglio di leggere bene cosa ho scritto, e chi mi legge sempre sa benissimo che spiego bene e di certo non cambio tendenze nel giro di poche ore…..un caro saluto ;-)
  3. Luca 18/01/2019 16:12
    Ciao tonino quello che hai detto stamattina che martedi si potrebbe verificare la neve e ancora cosi ho e gia cambiato tutto
  4. Tonino 16/01/2019 11:25
    Ciao marco, mi è piaciuto il tuo intervento in quanto l aria fredda può sia entrare da carcassona portando a una sciroccata di di noi ma anche li bisognerebbe valutare la possibile traslazione verso levante visto che poisi attiverebbe anche la porta della bora. Ovviamente la sinottica a noi più favorevole vuole una entrata dal rodano con contemporanea bora scura e quindi in quota un flusso umido da s sw. Un caro saluto
  5. Marco B 16/01/2019 09:31
    Ciao Tonino, premesso che non se ne può ancora parlare visto che sarà la prossima settimana, se anzichè attraverso la porta del Rodano che ben conosciamo, il freddo arrivasse dalla Carcassonne, cosa potrebbe succedere? Può capitare anche che tutte e due le porte siano percorse contemporaneamente da aria fredda?
  6. Tonino 16/01/2019 09:15
    Grazie di cuore Giorgio, step by step come sempre avanti verso un'evoluzione invernale finalmente dinamica, un caro saluto.
  7. Giiorgio Dordolla 14/01/2019 17:38
    Ciao Tonino...se questa volta ci azzecchi sali di botto ai vertici delle classifiche dei miei meteorologici preferiti. ( cmq. sei già in zona medaglia ) Buona serata.
  8. Tonino 02/01/2019 11:02
    Ciao Arianna, ci vorrà pazienza come ho scritto sul blog per vedere delel dinamiche in grado di portare la neve anche da noi, tra l'altro se leggi qui, sul blog, ho spiegato bene già giorni fa e oggi, quel che accadrà a breve, con una fase fredda nei prossimi giorni ma molto secca, fino alal befana e anche giorni dopo non vedo in vista alcuna dinamica che possa portare la neve da noi, più avanti step by step vedremo se potremo avere dinamiche più ad hoca tra la fine della prima decade del mese o nel corso della seconda decade del mese di gennaio, di certo per ora vedremo le immagini dall'appennino e dalla pioanura e costa del sud, specie lato adriatico con nevicate anche copiose fino al mare, anche sulla Puglia e parte della Sicilia. Segui i miei aggiornamenti qui sul blog ;-)
  9. Arianna 02/01/2019 09:26
    Buon anno Toni. Ho letto che qui da noi l'anno inizierà con correnti gelide che porteranno taaanto freddo e neve dopo la befana..... È così? Ma neve anche qui in bassa (Monfalcone)?
  10. Stefo 01/01/2019 09:29
    Buon anno Tonino e grazie dell'ottimo lavoro che fai


Pagina 1 di 15

Scrivi cosa ne pensi





Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Accetto